Cos'è l'interpretazione di conferenza
Per comprendere bene l'essenza dell'attività di interprete di conferenza, occorre vedere in che misura divergono il concetto di traduzione e quello di interpretazione.

Traduzione è la trasposizione di un discorso scritto da una lingua ad un'altra lingua. L'esecuzione di quest'attività per iscritto consente al professionista di avere a disposizione il tempo sufficiente per eventuali consultazioni bibliografiche necessarie all'ottenimento di un testo finale corretto sia sul piano linguistico che su quello tecnico.

Interpretazione è la trasposizione di un discorso orale pronunciato da una lingua ad un'altra lingua. Al contrario della traduzione, l'interpretazione è legata ad una forte componente di imprevedibilità (più o meno rappresentativa o frequente), per cui il professionista si dovrà preoccupare soprattutto del significato essenziale del discorso e non tanto della sua  trasposizione integrale. L'attività viene svolta in base a diverse modalità di esecuzione, tra cui le più comuni sono l'interpretazione di conferenza, l'interpretazione di trattativa ("interprétation de liaison", in francese, "escort interpretation", in inglese) e l' interpretazione giudiziaria o di tribunale.

L'attività di interpretazione di conferenza viene svolta nell'ambito di riunioni multilinguistiche formali, di tipo bilaterale o multilaterale, le quali si sono andate diffondendo nel ventesimo secolo.

Nella modalità consecutiva, l'interprete ascolta l'intervento vicino all'oratore prendendo appunti, riproduce poi subito dopo la totalità del discorso (consecutivamente) in un'altra lingua come se fosse il proprio discorso.

Nella modalità simultanea, l'interprete lavora in équipe. Gli interpreti siedono in apposite cabine di fronte ad una postazione dotata di microfono e cuffie; ascoltano il discorso e lo trasmettono agli ascoltatori in sala al ritmo in cui viene pronunciato. L'interpretazione simultanea permette così a partecipanti di lingue diverse di ascoltare e parlare nella propria lingua, senza interruzioni del ritmo comunicativo e durante tutta la riunione (la giornata di lavoro dell'interprete può durare fino a sette ore).

Ciascun interprete di conferenza possiede la propria combinazione linguistica, costituita da:
Lingua (e) attiva (e) – quella(e) in cui l'interprete si esprime
Lingua (e) passiva (e) - quella(e) a partire da cui interpreta